Il fine giustifica i mezzi

(cioè, se i mezzi non funzionano, il fine è errato!)

http://www.huffingtonpost.it/arianna-huffington/il-terzo-parametro-varca-i-confini-la-ridefinizione-del-successo-diventa-globale_b_3676902.html?utm_hp_ref=italy

http://www.huffingtonpost.it/arianna-huffington/il-terzo-parametro-varca-i-confini-la-ridefinizione-del-successo-diventa-globale_b_3676902.html?utm_hp_ref=italy

Bell’articolo

Annunci
Lascia un commento »

In difesa delle banche

Mi trovo spesso nell’imbarazzante situazione di dover difendere le banche, le quali sono spesso accusate di reati o atti immorali in maniera del tutto casuale per il semplice fatto di essere banche.
Questa pratica è sbagliata su molti livelli. Innanzitutto c’è il problema della responsabilità individuale e della sua estensione, che è la responsabilità sociale. Se qualcuno o qualcosa compie un atto immorale o illegale, ne deve rispondere personalmente anche nell’opinione pubblica. Accusare una azienda di essere colpevole per il semplice fatto di essere una azienda o un particolare tipo di azienda, si commette lo stesso errore di chi accusa un criminale di appartenere ad una determinata etnia. Poiché inoltre molti istituti di credito (ma non tutti) sono stati corresponsabili del proliferare dei titoli tossici e delle conseguenze che stiamo ancora pagando, accusarli ingiustamente rischia di sviare l’attenzione dalle vere responsabilità: aggredire verbalmente il colpevole o presunto tale rende facile la sua difesa e impossibile una valutazione dei fatti.

In questo post particolare mi riferisco alla presunta malizia delle banche a incassare o utilizzare in maniera sbagliata i contributi pubblici o l’accesso al credito facilitato con cui le banche centrali cercano disperatamente di far ripartire l’economia reale. Il tentativo è disperato sia dal punto di vista del risultato, fin qui nullo, sia dal punto di vista della necessità, considerata assoluta. Ma la realtà dei fatti è che le banche non possono immettere nel mercato i soldi che vengono loro prestati e non si riesce a sventare il credit crunch per un motivo molto semplice: la crisi del sistema bancario non è contingente ma strutturale.

Facciamo un esempio concreto: per contrastare la contrazione dei consumi, molti commercianti, in particolare i supermercati, hanno ridotto i propri margini e aumentato la quantità delle offerte speciali, delle promozioni, eccetera. Il consumatore finale ha da una parte delle necessità ineludibili, dall’altra una riduzione drastica del margine di manovra dovuto al calo degli stipendi. Le offerte servono quindi non ad aumentare i consumi, ma a mantenerli costanti in una situazione di depressione economica. Alla lunga però i margini ridotti si pagano perché sebbene possano portare un vantaggio competitivo in un mercato stanco e quindi magari migliori prestazioni relativamente alla concorrenza non riescono però ad aumentare i valori assoluti, perché la mancanza di disponibilità economica nei consumatori non viene toccata e anzi probabilmente si riduce quella dei propri dipendenti.

Analogamente le banche centrali stanno cercando di allettare gli istituti di credito con offerte e promozioni del loro acquisto principale, che è il denaro. Tuttavia la disponibilità economica delle banche non è data dal costo del denaro, che può influire esclusiavamente sulla liquidità, ma è data dai soldi che i risparmiatori mettono negli istituti. Poiché il risparmio è quasi inesistente per il collasso dell’economia reale, tutti i tentativi di farla ripartire tramite l’immisione di liquidità sono destinati a fallire. Agire a monte infatti cambia l’assetto finanziario delle banche ma non quello economico e giustamente le banche stesse non si fidano più della finanza! Cioè il credit crunch, dovuto al crollo dei salari reali (in particolare del salario medio, tenendo conto di disoccupazione e inoccupazione), è l’unica cosa sicuramente onesta che stanno facendo le banche in questo momento: non hanno risparmi da prestare e si rifiutano di prestare denaro chiesto in prestito.

Lascia un commento »

Diritti e libertà

Ho recentemente letto un post che difendeva la distinzione fra libertà di cura e diritto alla salute: poiché non trovoil link, purtroppo sono costretto a riassumente brutalmente il concetto: la libertà di cura implica la possibilità di scegliere fra diversi metodi di cura, ivi compresi quelli non scientifici fra cui l’omeopatia, eccetera. Il diritto alla salute invece implica che lo Stato debba curare gratuitamente chiunque ne abbia reale bisogno. Per queste cure però non è possibile avere scelta: poiché si tratta di un diritto ma non di una libertà.

Purtroppo ripeto non sto riportando l’argomentazione originale, e quindi il mio riassunto è pesantemente inficiato dal brutto ricordo che ne ho. Mi sembra però che l’argomentazione sia comune se non alla persona a cui faccio riferimento se non altro ad altri più autorevoli opinionisti e sicuramente nella mia esperienza personale. Recentemente anche Facci ha ricordato una cosa importante: si parla di finanziamento ai partiti col 2 per mille come se fosse scandaloso ma non si è ancora fatto nulla per l’8 per mille alla chiese riconosciute dall Stato Italiano, in primis ovviamente quella cattolica. “Non si è ancora fatto nulla” è una mia ironia personale, perché sebbene sia evidente che c’è molto rumore attorno alla questione, perché per esempio per il partito radicale la faccenda è fondamentale, è altrettando evidente che la gente è più propensa a prendersela coi politici che col clero, per cui non esiste di fatto una maggioranza (nemmeno nel paese) in grado di alterare questo stato di cose.

Sulla Chiesa cattolica ho scritto in altri posti e spero di riportare in tempi ragionevoli su questo blog il mio pensiero, ma in fondo quello che serve alla mia argomentazione è: se esiste una libertà di culto, esiste anche un diritto alla religione? L’articolo 19 ed il 20 della nostra Costituzione parlano di diritto alla professione di fede e di esenzione da gravami fiscali per la sua costituzione. In altri paesi invece esiste una libertà di culto “purché tu lo faccia coi tuoi soldi”: lo stesso sistema che propongono i radicali.

Queste libertà “coi propri soldi” sono la negazione dello stato di diritto, oltre che del principio di solidarietà che sottende il vivere insieme. La cultura, la religione, la salute, la politica sono e devono essere finanziate con soldi pubblici, altrimenti sono libertà de iure ma non de facto. Eppure la continua rivendicazione della libertà non finanziata dallo Stato ha portato, dopo la storica avversione al meccanismo dell’8 per mille che comunque non ha dato risultati reali, alla rivendicazione in altri ambiti del fatto che essere pagati per qualunque lavoro fosse immorale. In ambito religioso è quanto appena esposto. In ambito culturale è il celebre “con la cultura non si mangia” usato come alibi da molti governi per tagliare risorse al comparto culturale e a cascata a quello educativo (come se fossero la stessa cosa). Poi è montata l’onda chiamata “antipolitica” che se l’è presa contemporaneamente con la libertà di stampa sostenendo in maniera dialetticamente molto efficace che il finanziamento pubblico ai giornali fosse una cosa contraria al pluralismo e all’indipendenza, e con la politica, sostenendo che il sistema dei partiti e delle pubbliche amministrazioni dovesse subire un ridimensionamento o addirittura la totale sospensione dell’erogazione pubblica di denaro.

Dopo il crollo dei regimi comunisti (o a socialismo reale che dir si voglia) c’è stata una impennata del liberismo, soprattutto in campo economico, per la naturale mancanza di concorrenti. Questo liberismo si è innestato su una serie di altre crisi che, in Italia, hanno attraversato tutta la classe dirigente: imprenditoriale, culturale, politica, religiosa. La combinazione di “libero mercato” come finalità e non come mezzo, di cui è un brillante esponente ad esempio l’Istituto Bruno Leoni, o anche “Noisefromamerika”, con il sillogismo nefasto “siccome c’è un abuso su di un diritto, abroghiamo quel diritto” (i cui principali esponenti sono, a mio parere, “il fatto quotidiano” e Beppe Grillo, ammesso che abbia ancora senso distinguerli) hanno portato quindi a ritenere ragionevole:

  • non finanziare le chiese perché c’è un abuso
  • non finanziare la cultura né l’educazione perché ci sono baroni e altre categorie che vivono di rendita
  • non finanziare i partiti o i giornali perché sono casta
  • non finanziare i diritti dei lavoratori perché sono uno spreco di efficienza
  • non finanziare la sanità perché ci sono sprechi
  • non pagare le pensioni perché non ci sono i soldi

La cosa peggiore di questa situazione è il lavaggio del cervello che ci siamo fatti per ritenere ragionevoli, fondati, perseguibili e addirittura NECESSARI questi obiettivi. Parliamo ad esempio delle pensioni: si è passati dal sistema retributivo a quello contributivo, secondo i due principi enunciati sopra. Il primo è il liberismo nel senso peggiore del termine, ovvero “puoi fare quello che vuoi purché lo fai coi tuoi mezzi”, e infatti il sistema contributivo è proprio questo: tanto hai versato, tanto ti verrà restituito. Il che però trasforma lo Stato in una banca poco efficiente, e quindi decisamente inutile. Siccome questa giustificazione traballa, viene aggiunta la seconda: i conti pubblici sono scoppiati perché ci sono diversi abusi (super-pensioni, baby-pensioni, pluri-pensioni, eccetera), per cui bisogna necessariamente stringere la cinghia. Ovviamente a stringere la cinghia è sempre chi ha fame, non chi ha la pancia piena: è esperienza quotidiana di tutti notare che è più facile negare un diritto che revocare un privilegio.

Nota: in questo post non ci sono proposte alternative, le sto seminando qua e là perché il mio è un percorso di cui ancora ignoro l’approdo. Diffido di qualunque alternativa ad un sistema plurisecolare che venga riassunto in poche righe, o che venga ripescato dallo stesso passato da cui viene il sistema da cambiare. Non riesco a distinguere sostanzialmente fra liberismo e comunismo in economia, se non notando che il secondo è la brutta copia del primo.

 

 

 

Lascia un commento »