Il fine giustifica i mezzi

(cioè, se i mezzi non funzionano, il fine è errato!)

Mobili

su 30/01/2013

Un (altro) esempio preso dalla quotidianità: mobili Ikea vs Arredissima o Riccicase.

Perché compro i mobili Ikea anziché quelli “italianissimi” di Riccicase o Arredissima? Perché sono fissato con la responsabilità sociale e Ikea picchia molto su questo tasto, sulla sostenibilità, eccetera? O perché Ikea ti dà 3 mesi di tempo per cambiare idea su qualcosa che hai comprato, mentre Riccicase ti lascia 15 secondi per decidere se comprare uno scarabocchio visto su di un foglio e Arredissima ti fa un contratto capestro per avere cose che non hai mai visto?

Ai posteri l’ardua sentenza. Qual è la finalità: far cassa con super-offerte o avere un cliente che ritorna regolarmente? Ho una libreria Arredissima di cui sono molto contento (è bella, funzionale, pagata relativamente poco), ma non comprerò più nulla da loro – a parte una cosa che sono costretto a prendere.

 

ADDENDUM del 4/2/13: Anche Ricci Case, che ha un bel catalogo, mi ha fatto una proposta: i mobili da me scelti costano 4mila euro, me li vendono a mille, ma devo comprarli dopo aver visto un tizio che me li disegnava su carta millimetrata… E l’offerta era valida solo per quel minuto lì, non avevo nemmeno un paio di giorni per pensarci!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: